Chi Siamo

Genti de Mesu nasce dall'unione di un gruppo di “Mediatori di pace” sardi, formatisi tra aprile 2008 e febbraio 2009 con il corso professionale “Mediatore di pace/Peacekeeper”, organizzato dalla Regione Autonoma della Sardegna, nell'ambito del Progetto Interregionale Area Umanitaria con capofila la Provincia Autonoma di Bolzano.

Il nome dell’associazione, letteralmente “la gente che sta in mezzo”, vuole sottolineare l'impegno per la promozione di una interazione costruttiva tra soggetti diversi, per la mediazione tra punti di vista differenti. 
Genti de Mesu si ispira, infatti, alla figura storica dell’homine de mesu che nelle comunità paesane della Sardegna, svolgeva il ruolo di mediatore nei conflitti sulle più svariate questioni.

Il patrimonio storico-culturale sardo ci suggerisce anche il logo: un simbolo visivo circolare che ricorda “Su Ballu Tundu”, danza tradizionale della Sardegna in cui le persone unendo le proprie mani muovono i passi coordinandosi e sono simbolo di unione, compiutezza e armonia. L'intento è appunto quello di rappresentare graficamente il desiderio di fare insieme.
La scelta di non usare un unico colore ma di richiamare tutti i colori dello spettro visivo, tutti quelli che l’occhio umano può percepire, vuole sottolineare il nostro sguardo rivolto verso tutti, senza alcun genere di discriminazione.
Il nostro logo vuole dare visibilità e riconoscimento non tanto a chi siamo, ma a quello che vogliamo fare.
L'associazione si dedica alla realizzazione di azioni di stimolo e sostegno del dialogo e dell’intercultura e si impegna in attività di sensibilizzazione per il rispetto dei diritti umani. 
Le attività dell’associazione si rivolgono a tutte le persone senza distinzione di razza, religione, sesso, ideologia, orientamento sessuale, con particolare attenzione ai giovani, ai migranti, e alle categorie in genere svantaggiate e/o vulnerabili.
----------------------------------------------
Settori Operativi
Gli ambiti di intervento dell’associazione sono tre: 
- Dialogo interculturale;
- Promozione del rispetto dei diritti umani; 
- Mediazione e nonviolenza.